giovedì 30 maggio 2013

FREE All Political Prisoners & Prisoners of Conscience in Iran

Active petitions in over 75 countriesFollow GoPetition

FREE All Political Prisoners & Prisoners of Conscience in Iran

Petition published by Anette Meyer on Jun 16, 2011
1088 Signatures 
Target: Ahmed Shaheed, UN, Navi Pillay, Ban Ki Moon, Amnesty, HRW, EU members
Region: Iran

Petition Background (Preamble):

*UPDATE 2012-12-01

U.N. Committee Condemns Human Rights Abuses in Iran

Iran Human Rights, November 28, 2012: A resolution on the human rights situation in Iran was passed by the U.N. Third Committee on Tuesday, November 27.

The resolution, which was drafted by Canada and co-sponsored by other countries, received 83 votes in favour, 31 against, and 87 abstentions.

According to Reuters, formal voting on the resolution will take place next month "at plenary sessions of the General Assembly."

Among other human rights violations in Iran, the resolution criticized the "continuing alarming high frequency of the carrying-out of the death penalty (in Iran) in the absence of internationally recognized safeguards, including an increase in the number of public executions."

Reuters reports that the resolution on Iran "received more yes votes than a year ago, when a similar text was approved with 80 in favor, 44 against and 57 abstentions."

* UPDATE 2012- 04-05

#UN Rights Experts Decry
"Mounting Repression" in#Iran

#Reuters GENEVA | Fri May 4, 2012

"The Conviction & Extremely Harsh Sentencing of Human Rights Defenders Is An Indication Of Mounting Repression Against The Legitimate Activities Of Human Rights Defenders & Represents A Serious Setback For The Protection Of Human Rights In Iran"

- Ahmed Shaheed, U.N. Special Rapporteur on Iran.

Iran is cracking down on activists and their lawyers, meting out harsh sentences in an effort to quash pro-democracy activities, United Nations human rights experts said on Friday.

In a joint statement, the independent experts called for the immediate release of human rights defenders including Narges Mohammadi, whom they said was rearrested on April 21 to serve a six-year prison sentence handed down by an appeals court.

"The conviction and extremely harsh sentencing of human rights defenders is an indication of mounting repression against the legitimate activities of human rights defenders and represents a serious setback for the protection of human rights in Iran," said Ahmed Shaheed, U.N. special rapporteur on Iran.

Thousands of opposition supporters have been detained since the disputed 2009 presidential election won by President Mahmoud Ahmadinejad, including scores of senior reformist figures.

Mohammadi, former vice-president of the Defenders of Human Rights Centre, founded by rights lawyer and Nobel peace laureate Shirin Ebadi, was convicted of "assembly and collusion against national security, membership in the Defenders of Human Rights Centre and propaganda against the regime," the statement said.

She is said to be in "extremely fragile" health, it said. A U.N. official told Reuters that Mohammadi is believed to be held in Tehran's Evin Prison.

"Human rights defenders play a fundamental role in ensuring a democratic society which respects human rights. They must be allowed to carry out their work without facing intimidation, harassment, arrest and prosecution," said Margaret Sekaggya, special rapporteur on human rights defenders.

Lawyers representing activists in the Islamic republic are also facing difficulties as they are being identified with their clients' causes, according to Gabriela Knaul, special rapporteur on the independence of judges and lawyers.

"The government has an obligation to ensure that lawyers can perform all of their professional functions without intimidation, hindrance, harassment or improper interference and that they do not suffer prosecution for any action taken while carrying out their duties," she said.

Abdolfattah Soltani and Nasrin Sotoudeh, both lawyers who have represented many high-profile political and human rights activists, are among those to have been jailed for carrying out their legitimate work, according to the statement.

Soltani, co-founder of the Defenders of Human Rights Centre, was arrested in September on charges of collusion, anti-regime propaganda and acquiring property through illegitimate means, leading to an 18-year prison sentence and 20-year ban on practicing law, it said.

Sotoudeh, a human rights lawyer, was arrested in September 2010 and sentenced to six years by an Iranian appeal court, along with a 10-year ban on her practicing law, it said.

Shaheed, a former foreign minister of the Maldives, and the other investigators report to the U.N. Human Rights Council.

Despite repeated requests, he has never been allowed into Iran, but the Geneva forum renewed his mandate in March for a second year after he reported a high rate of executions as well as abuse of minorities, and persecution of homosexuals and labor unions.

Mohammad Javad Larijani, head of Iran's High Council for Human Rights, told the U.N. forum in March that his government had "repeatedly manifested its unwavering commitment toward the advancement of human rights" and that "self-monitoring" was a key principle. The aim was to build a prosperous society based on justice, equality, legitimate freedoms and development.

The report submitted by Shaheed "amounted to nothing more than the repetition of a barrage of unsubstantiated and biased contentions traditionally levied" against Iran, Larijani said.


During the 2 years since the election , people have been beaten , tortured , raped , imprisoned & murdered by the regime in Iran ...

We need to come together and stand up for everyone of ALL political prisoners & prisoners of conscience !


1) We the undersigned demand the immediate and unconditional release of ALL Political Prisoners & Prisoners of Conscience in Iran !

2) We demand the prison authorities, all government forces, agents, police, and basij to stop the inhumane torture of Iranian citizens in prison in Iran!

3) We demand for ALL political prisoners & prisoners of conscience to receive urgently needed medical care for the torture wounds inflicted by prison authorities.
The FREE All Political Prisoners & Prisoners of Conscience in Iran petition to Ahmed Shaheed, UN, Navi Pillay, Ban Ki Moon, Amnesty, HRW, EU members was written by Anette Meyer and is in the category Human Rights at GoPetition. Contact author herePetition tags: ,
Tell | Map | Signatures | Views | Bookmark | Banners | Link | Tip Jar | Sponsor
Click here to Like this petition or Add/View Comments

Iran mantiene lapidazione per adulterio nel nuovo codice penale

Al giudice la facoltà di scegliere un altro metodo di esecuzione. La pena è stata introdotta nel 1979 dopo Rivoluzione islamica

Teheran 30 mag. (TMNews) - L'Iran mantiene nel nuovo codice penale la lapidazione per il reato di adulterio, lasciando al magistrato la facoltà di scegliere un metodo alternativo di esecuzione.

L'articolo 225 prevede tuttavia che la decisione del magistrato debba essere approvata dal responsabile dell'autorità giudiziaria: la pena della lapidazione - introdotta nel 1979 dopo la Rivoluzione islamica, insieme alle frustate e l'amputazione, previste dalla Sharia) - è rimasta relativamente poco applicata, anche perché fonte di controversia all'interno dello stesso regime.

Secondo alcune autorità religiose infatti la lapidazione - che non fa parte del Corano propriamente detto, ma compare solo negli Hadith, i commenti alla vita di Maometto - non sarebbe per questo motivo una legge islamica. Non esistono statistiche ufficiali, ma secondo le ong per la difesa dei diritti umani dal 1980 al 2010 si sarebbero verificati circa 150 casi, l'ultimo - un uomo - documentato nel 2009.

Yare dabestanie man in video

Immediate & Unconditional Release of Ashkan Zahabian

Immediate & Unconditional Release of Ashkan Zahabian

Petition published by Anette Meyer on May 28, 2013
46 Signatures 
Target: Ahmed Shaheed , Amnesty , UN, Navi Pillay,HRW, EU members Ban Ki Moon,
Region: Iran

Petition Background (Preamble):

Ashkan Zahabian arrested for fourth time

CHRR 27 May 2013

Committee of Human Rights Reporters – Ashkan Zahabian, student activist in the Green Movement and member of Tahkim-e Vahdat (Student-Alumni Association) was arrested at his parental home this morning Monday May 27th.

According to news provided to CHRR, this morning Security Ministry agents raided the home of Ashkan Zahabian’s parents, aggressively arrested and transferred him to an undisclosed location. In 2009, Zahabian served as a student volunteer at the Babol campaign headquarters of presidential election candidate, Mehdi Karoubi.

The Kaleme website reports that Ashkan Zahabian, Mashhad Ferdowsi University student barred from continuing his education, was previously detained for a third time in April 2011 when per a summons he showed up at the Sari Intelligence Office. His first arrest was in June 2009 only four days after the contested election results, at a Mazandaran University student protest. He lost consciousness during the violent arrest by plainclothes officials and Intelligence Ministry agents detained him.

In February 2009, Zahadian was banned from continuing his education because of his activism and was expelled from university one term shy of graduating. In November 2009, he was arrested again and the Babol Revolutionary Court sentenced Zahabian to 6 months in prison stemming from his student activism. He was deprived of his right to an attorney and was not allowed to defend himself in court. At Babol’s Matikola Prison, his health deteriorated and he endured solitary confinement while on hunger strike in protest of being held in a facility among criminals, and being denied needed medical treatment.

The new charges against Ashkan Zahabian stem from his meeting with the Grand Ayatollah Sanei, Grand Ayatollah Vahid Khorasani, and other clerics in the city of Qom.

Source : CHRR

mercoledì 29 maggio 2013

giovedì 23 maggio 2013

Alesssandra morelli al XV municipio a Roma

Io voto Volentieri Alessandra Morelli e invito amiche e amici del XV municipio di farlo altrettanto
grazie Davood karimi

Alessandra Morelli

Sono una professionista nel settore dei Beni Culturali, ho frequentato L'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro di Roma, da 30 anni mi occupo di conservazione e valorizzazione del Patrimonio Storico Artistico.
Mi interessa la Rivoluzione Liberale, la democrazia illuminata e tutti coloro che contribuiscono ad instaurarla. 
Mi interessa la libertà delle donne. 
Mi piace l'archeologia, l'arte antica e contemporanea. 
L'Aquila è la città di origine della mia famiglia. Lì avevamo..., no abbiamo ancora tutto, anche se da ricostruire. A L'Aquila oggi vive una parte di me.
Fotografo gli artisti contemporanei perchè rappresentano il solo ossigeno della mia creatività.
Ho deciso di candidarmi perchè ho un obbiettivo: offrire un contributo personale alla mia città, alla mia Nazione. L'esperienza accumulata in 30 anni di continuo lavoro sui Beni Culturali, mi ha reso sensibile alle innumerevoli problematiche legate a questo settore, alla scarsa capacità che le nostre istituzioni hanno dimostrato nel corso degli ultimi 60 anni nel non considerare l'immenso patrimonio presente sui nostri territori come fonte di risorsa economica, utile allo sviluppo dell'industria turistica. Ho elaborato progetti che reputo possano contribuire a sbloccare questa ingiustificata e non più sostenibile situazione.

Sono impegnata nel sociale con i malati di Alzheimer, ho mia madre malata gravemente e mio padre anziano affetto anche lui da demenza senile. Questa condizione è motivo di impegno per il prossimo futuro con progetti nel settore dell'assistenza alle persone non autosufficienti.

Considero scontata la condivisione completa del programma di Fratelli D'Italia, movimento nato solo 5 mesi fa per dare ancora più concretezza al progetto per L'Italia liberale. Offro e la piena disponibilità a battermi sul territorio a favore delle emergenze e delle priorità già segnalate.

Il mio Programma - le priorità

1) Dare voce al MERITO dei cittadini romani, promuovere progetti che mirino ad identificare e selezionare le idee ed il potenziale che ogni persona porta con se, mettendo in atto azioni basate sul principio della TRASPARENZA intesa come forma di CONTRASTO ALLA CORRUZIONE E AL CLIENTELISMO.

2) Fornire un contributo concreto allo sviluppo del "Petrolio romano", metafora utilizzata per indicare l'immenso potenziale rappresentato dal PATRIMONIO STORICO ARTISTICO di questo territorio oggi non ancora adeguatamente comunicato, specchio del degrado della pubblica amministrazione nazionale, non ancora considerato COME RISORSA ECONOMICA E LAVORATIVA, come volano per la MIGLIORE DISTRIBUZIONE DEL TURISMO nella nostra città.

3) Incentivazione del principio di sussidiarietà per L'ASSISTENZA SOCIALE, attraverso un programma di regolamentazione che indichi LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO DEL VOLONTARIATO, ma anche come INCENTIVO ALL'OCCUPAZIONE, con particolare attenzione all'ASSISTENZA AGLI ANZIANI E AGLI ADOLESCENTI per LIMITARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA, ed alla BATTAGLIA PER LA VITA che consideri il SOSTEGNO PRATICO E PSICOLOGICO ALLE MADRI, come dissuasore alla pratica dell'aborto.

martedì 21 maggio 2013

Rafsanjani e Mashaii sono stati respinti dal Consiglio dei Guardiani

Oggi finalmente dopo 5 giorni di ritardo il Consiglio dei Guardiani del regime dei mullah ha pubblicato la lista dei candidati ammessi alle prossime elezioni-nomination presidenziali del regime iraniano escludendo   due nomi eccellenti e graditissimi all'occidente all'America di Obama: Rafsanjani e Esfandiar Mashaii, uomo di Ahmadinejad e il suo consuocero. Il passato di quest'ultimo non è nascosto agli addetti ai lavori( capo della Sepah Passdaran, altissimo dirigente dei servizi segreti, capo di varie plotoni di esecuzione e carnefice delle popolazioni curde). Il capo supremo Ayatolterrore Ali Khamenei con questa dolorosa scelta autochirurgica ha scelto la strada di "contrazione del sistema" buttando al mare la speranza del mondo civile che avevano investito enormi progetti su questi due candidati anti Khamenei. Specialmente in campo del contenzioso atomico gli americani speravano di avere degli interlocutori freschi e antagonisti di Khamenei portando avanti una falsa speranza di poter sorpassare lo statuto ferreo del regime dei mullah: velayate Faghih( potere assoluto del capo supremo). con tale scelta il regime iraniano ha dimostrato ancora una volta che non ha assolutamente intenzioni pacifiche sia in campo atomico che in quello della stabilità pacifica della regione. Nel caso contrario avrebbe dovuto dimostrare qualche flessibilità prescindendo dalle sue pretese atomiche e interferenze terroristiche in mondo in particolar modo in Iraq e in Siria. Khamenei ancora una volta ha dimostrato che è l'unico autore dell'arricchimento dell'uranio e della dirigenza politica e militare del  paese. Naturalmente lui ha messo sul conto la reazione della parte avversaria specialmente quella di Ahmadinejad. khamenei sa bene che Rafsanjani non è uomo di guerra anche per avanzata età ma Ahmadinejad si ecco perche ha scatenato una grande rete di arresti e di persecuzione degli uomini del presidente sparsi in tutto il paese. secondo le informazioni in mio possesso le forse di sicurezza hanno arrestato almeno 1000 uomini vicini al presidente senza alcuna motivazione e ordini giuridici. Una politica di avvertimenti e di prevenzione onde la formazione di rivolte e manifestazioni uguali a quelli che hanno succeduto la seconda elezione di Ahmadienjad nel 2009, quando milioni di persone si sono rovesciati nelle strade reclamando il loro voto. ma in quel caso Khamenei aveva deciso di rinominare Ahmadienjad come  il suo uomo di fiducia e di obbedienza.  Secondo le mie informazione provenienti da Teheran l'esercito e le forze dell'ordine e di sicurezza hanno vietato qualsiasi licenza e hanno dato allarme rosso e hanno anche diviso i compiti in previsione alle manifestazioni popolari. Il timore fondamentale di Khamenei proviene da parte di Ahmadinejad che è da un paio di anni che non risponde più ai reclami del capo supremo e lo considera addirittura non come capo supremo dell'Velayate Faghih ma un " semplice cittadino e con un solo voto"!
Oggi il coltello è nelle mani di Khamenei e bisogna vedere quale è la reazione di Ahmadinejad che sperava di restare al potere ancora per altri 8 anni candidando il suo consuocero alla sua successione.
Secondo me tale decisione ha cambiato radicalmente l'equilibrio politico del paese portando il regime verso un'accelerazione del processo di disgregazione che inevitabilmente lo porterà al rovesciamento certo.
Davood Karimi, presidente dell'associazione rifugiati politici  iraniani residenti in Italia

Tornado in Oklahoma le nostre condoglianze e vicinanza al popolo americano

Associazione rifugiati politici iraniani residenti in Italia esprime il suo dolore e la vicinanza ai familiari delle vittime per la tragedia che ha investito la città di Oklahoma e augura prontaguarigione per le persone ferite!

Respinte le candidature di Rasfanjani e di Mashai, uomo di Ahmadinejad

il regime dei mullah ha respinto la candidatura di Rafsanjani. Un'autochirurgia sanguinosa che accorcia abbondantemente la vita del regime stesso e infligge un duro colpo alla politica di accondiscendenza americana che aveva investito una grande speranza nella sua elezione. Ancora una volta sgonfiato il miraggio di allineamento del regime dei mullah con la comunità civile. avremmo un giugno bollente quanto inferno!

In Arabia Saudita arrestate 10 spie dell'Iran

Redazione Online
21.05.2013, 23:34
Stampare l’articoloDirlo ad un amicoAggiungere al blog
саудовская аравия флаг саудовская аравия
Foto: EPA
Il ministero dell'Interno dell'Arabia Saudita ha annunciato l'arresto di dieci persone con l'accusa di spionaggio all'inizio di marzo di quest'anno. Tra gli arrestati otto persone sono dell'Arabia Saudita, un cittadino turco e un cittadino del Libano.
Nel mese di marzo le autorita' avevano arrestato diciotto persone con l'accusa di comunicare informazioni sulle strutture saudite a "soggetti terzi". Gli osservatori ritengono che il destinatario senza nome di informazioni classificate sia Teheran.
Tutti gli arrestati a marzo erano di nazionalità saudita. Sono sciiti delle province orientali del regno, i quali avevano avviato una serie di proteste contro le autorita' per rivendicare maggiori diritti per le minoranze religiose.

domenica 19 maggio 2013

Iran: impiccati due dissidenti

Associazione rifugiati politici iraniani residenti in Italia condanna fermamente l'impiccagione di due oppositori al regime fondamentalista e terrorista dei mullah. obiettivo di tali impiccagioni è quello di spaventare sia la popolazione che le forze non allineate con il leader supremo del terrorismo iraniano Ayatolterrore Ali Khamenei che sta cercando di sprofondare l'intero paese in un'atmosfera di terrore per poter tirare fuori un suo uomo dalle urne presidenziali di giugno prossimo

Erano stati condannati per aver passato 'informazioni segrete'

19 maggio, 10:09
Iran: impiccate due 'spie Usa e Israele'(ANSA) - TEHERAN, 19 MAG - Due iraniani condannati per presunti atti di spionaggio in favore di Israele e Stati Uniti sono stati impiccati a Teheran. Lo riferisce l'agenzia Isna. Il primo, Mohammad Heidari, era accusato di aver raccolto ''informazioni segrete e di intelligence'' sull'Iran passandole al Mossad in cambio di denaro. L'altro, Koroush Ahmadi, avrebbe invece fornito ''informazioni segrete alla Cia''.